mercoledì 19 ottobre 2016

VI SCERO le VI SCERE del CRISTO in VOI


TUTTI mi CHI-ODO-NO CHI SONO o CHI SEI, ma continuano A.D.A.S.pettare coLUI che CHI-ADE solo di ENTRARE.
PURE PAOLO si è sGOLATO e ha scritto il NUOVO V°Angelo, ma riMANEnDO' un ABORTO, cioè coLUI che non VEDENDO e a MALA-PENA senTENDO hanno COM-PRESO il FIGLIO dell'UOMO in un semplice figlio di donna.
CHIeSA' se riUSCIRO' io a darvi una scossa, prima della SUA percossa.
Sentite cosa dice PAOLO in Saulo: "Esso non è stato manifestato agli uomini delle precedenti generazioni come ora è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito (SANTO): che le genti sono chiamate, in Cristo Gesù, a condividere la stessa eredità, a formare lo stesso corpo e ad essere partecipi della stessa promessa per mezzo del Vangelo, del quale io sono divenuto ministro secondo il dono della grazia di Dio, che mi è stata concessa secondo l’efficacia della sua potenza. A MEn, che sono l’ultimo fra tutti i santi (in senso QUANTICO), è stata concessa questa grazia: annunciare alle genti le impenetrabili ricchezze di Cristo e illuminare tutti sulla attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, creatore dell’universo, affinché, per mezzo della Chiesa, sia ora manifestata ai Principati e alle Potenze dei cieli la multiforme sapienza di Dio, secondo il progetto eterno che egli ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore, nel quale abbiamo la libertà di accedere a Dio in piena fiducia mediante la fede in lui".
E Gesù in Giovanni?: "In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecoreTUTTI COLORO CHE SONO VENUTI PRIMA DI ME, SONO LADRI E BRIGANTI (in senso QUANTICO); ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. Il mercenario invece, che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo.
Questo comando ho ricevuto dal Padre mio
".
"AVE TE CONc'èPITO A.T.traVERSO la CERVICE?"
Se saPESTE questo non vi l'ASCE-RESTE SACCHEgGIARE il vs TEmPIO, ma RENDE-RESTE il VOTRO CORPO VERO ALTaARE di DIO, per MEZZO del SUO Figlio, il COSI'dDETTO "FIGLIO dell'UOMO".
Ma AVOi piace sentire il TANFO che SAdiTANA. Quello che che un SANTO già sente quando vi avVICI-NATE, pieni di od'ORI e PROfumi per nascondere l'UMIDO in VOI.
ORA QUALE ORGANO, il PADRONE, metterà a capo del vs CORPO? Per eDUCArlo al VERO NUTRIMENTO?
Ma se quell'ORGANO dicesse: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a non USCIRE inCONTRO, ma a perCUOTEre gli altri ORGANI e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quell'ORGANO arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano CHI non ha conosciuto il VERO SUO COMPITO.
Invece, l'ORGANO che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disPOSTo o AGIto secONDO la SUA VOLONTA', riceVERA' molte PERcOSSE; quello INvece che, non conOSCENdola, avrà fatto cOSE MERItevoli di PERcOSSE, ne RICEverà pOCHE.
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

EDEN questo il MIO TORmento.

22 commenti:

  1. OGNUNO E' LIBERO di scegliere la SUA FINE e il suo fine. Per questo DIO non si fa VEDERE, sentire e TOCCARE.
    Non è facile riCONONOSCERLO e SUPERarlo PURE.
    BiSOGNA: "TEMERE DIO CHE PASSA UNA VOLTA E NON FA RITORNO!”. Sì, nella nostra vita spirituale, è molto importante accorgersi della venuta della grazia di Dio ed essere pronti ad accoglierla. “Deus non deserit nisi desertatur”. “Dio non abbandona se non viene abbandonato”. Ancora oggi nel mondo, quanti rifiutano la “Buona Novella”. Nel mondo quante menzogne, calunnie, attacchi e critiche ingiuste si sono fatte e si fanno contro il Papa e il Vaticano, contro tutto ciò che è cattolico. Ma la Chiesa cattolica e la Santa Sede non rispondono. Si comportano come Gesù nei confronti dei Samaritani. Perché la verità non ha bisogno di essere difesa: SI DIFENDE DA "SOLA".
    (Giovanni D'Elia)

    RispondiElimina
  2. Ma se la fede è una grazia perché a qualcuno sì e ad altri, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FINALmente una DOMAnda c'OME si DEVE, ma SIC...cOME quando TELE faccio io tu mi risPONDI con il V°Angelo ... io uso lo stesso CONTRA-PASSO con TAGLIONE:

      Mt 7,7 unDICI o Lc 11,NuOVE-TREdici per aver fatto il PRO-FESSOre in QUANTO alla PRE-GHIERA(cancellata);

      Mt 20,22-23 per non essERTI SOFFERmato sul rESTO, ma cercANDO subìto quel che VUOI riceVERE;

      Gv QUInDICI,UNO-unDICI per non aver PERCOrSSO la VIA;

      Gv CAPITOLO SE-DICI per non aver COLTO la VERITA'?;

      Mt TREdici, DIeci-DICIaSETTE per non aver CHIESTO il NOME del PADRE iniziale e MANCO fnale;

      s-VELERO' le PARA-BOLLE ma in un mODO SRANIero, proclAMANDO cose NASCOste fin dalla fONDAZIONE del mondo.

      S-PIEGHERO' l'E'sistenza di SAdiTANA a VANTAGGO del VIVENTE.
      La DIVA-SIONe di un REGNO APARTAMENTE diVISO, ma solo per chi non HA in SE il PADRE e la MADRE per SEMPRE.
      In verità, TUTTI i P.E.C.cati SONO perDONATI ai FIGLI dell'UOMO e anche TUTTE le BESTIEmMIE che dicono; ma chi non riCONOSCE la TERZA PERSONA della TRINITA', non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa E TERNA, perchè E' in LEI la VITA E TERNA. Poiché dicevano: "E'posseduto da uno spirito immondo o nei casi più MODErni: E' PAZZO!".

      Alla FINE mi hai fatto PRE-PARARE un POSTo.
      SARAxTE?

      guardino, ma non vedano, ascoltino, ma non intendano,
      perché non si convertano e venga loro perdonato".
      vedendo non vedano
      e udendo non intendano.

      Elimina
    2. Quelli li sopra manco ha capito cose' la grazia....
      Dovrebbe? Forse dovrebbe nascere e morire un paio di volte ancora.

      Cori di proseliti

      Elimina
  3. Ehi tu non ho capito dove hai visto le mie cosce.ma quando mai??? Comunque meglio dire gambe, le cosce sono quelle delle tue galline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'ORA erano di una GALLINA.

      Elimina
  4. Le Grazie di manifestano in vari modi. A volte visibili altre no. Io ne ho avute diverse...sono soddiafazioni6.
    I doni non sono solo per una speciale categoria di credenti, ma per tutti coloro che credono:

    A tutti è data la manifestazione dello Spirito soprattutto per il bene comune. Ma non tutti lo comprendono. Prevale solo l' amor proprio.
    Queste sono prove e le opera quell’unico e medesimo spirito, distribuendo i doni a ciascuno, in particolare come vuole. Sono diverse le grazie, altrettanto lo sono i doni.
    Non illudetevi: nessuno è un prescelto.

    RispondiElimina
  5. la fede non e' solo credere in un Dio. la grazia esiste e ti porta avanti..il dono ti accoglie.
    Lui e' ovunque, come la grazie e il dono. l' ossessiva ricerca della fede puo' farvi compagnia, ma soprattutto consola. non hai capito il mio messaggio...a tratti ironico ....nel senso buono

    RispondiElimina
  6. La grazia è molto sofferta perché arriva sempre dopo...mai prima.
    Il dono non è meritevole, almeno non sembrerebbe...Forse solo compensi... di altre vite...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Signore è giudice e per lui non c’è preferenza di persone.
      Non è parziale a danno del povero e ascolta la preghiera dell’oppresso.
      Non trascura la supplica dell’orfano, né la vedova, quando si sfoga nel lamento.
      Chi la soccorre è accolto con benevolenza, la sua preghiera arriva fino alle nubi.
      La preghiera del povero attraversa le nubi né si quieta finché non sia arrivata; non desiste finché l’Altissimo non sia intervenuto e abbia reso soddisfazione ai giusti e ristabilito l’equità.

      Elimina
  7. Sto guardando e mi passano tutti davanti. Cedo il "passo" volentieri. Io sono già seduta....

    RispondiElimina
  8. Perche dovrei stancarmi? Da seduta vedo ugualmente chi è affondato e chi galleggia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il culo senti la CIAoBELLA o il fONDO?
      Tu sai NUOTARE?
      E per QUANTO?

      Elimina
  9. In piedi si salutano solo gli eroi.
    So nuotare e anche per un po'. Chi pesa troppo non verrà a galla.
    Vedrai cosa succederà...ad una persona chiamata con tre sillabe. Non so se lo vorremmo a sapere. lui sicuramente si.
    Ci risiamo, io inizio e Lui finisce. Attento però non vuol dire morte. A volte la vita prossima che verrà' a certe persone è peggio della morte

    RispondiElimina
  10. Ha il mondo intero tra le braccia. Inevitabilmente qualcuno cadrà...Libero arbitrio.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. tu caDRAI SO maRA

    RispondiElimina

Se guardate solo quello che la luce rivela e ascoltate solo quello che il suono vi annuncia, allora in verità, non vedete e non sentite.