mercoledì 25 febbraio 2015

cOME Ser PENTI T!



In quel tempo, fu rivolta a Giona questa parola del Signore: «Àlzati, va’ a Nìnive, la grande città, e annuncia loro quanto ti dico». Giona si alzò e andò a Nìnive secondo la parola del Signore. Nìnive era una città molto grande, larga tre giornate di cammino. Giona cominciò a percorrere la città per un giorno di cammino e predicava: «Ancora quaranta giorni e Nìnive sarà distrutta». I cittadini di Nìnive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, grandi e piccoli. Giunta la notizia fino al re di Nìnive, egli si alzò dal trono, si tolse il manto, si coprì di sacco e si mise a sedere sulla cenere. Per ordine del re e dei suoi grandi fu poi proclamato a Nìnive questo decreto: «Uomini e animali, armenti e greggi non gustino nulla, non pascolino, non bevano acqua. Uomini e animali si coprano di sacco e Dio sia invocato con tutte le forze; ognuno si converta dalla sua condotta malvagia e dalla violenza che è nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si ravveda, deponga il suo ardente sdegno e noi non abbiamo a perire!». Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece.

https://www.youtube.com/watch?v=DUtz69ZyCas


In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

27 commenti:

  1. Noi riusciremo fare come quelli di Ninive?
    Ti piace Gino Paoli o il SerPente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è troppo da risPONDEre a queste TRE domande.
      CERCA la siMILITudine che LI LEGA.

      Elimina
    2. Ma sono due domande...

      Elimina
    3. la O non e' E.
      Le risposte comunque sono TRE con i PERchè.

      Elimina
  2. Penso che il pentimento che ha salvato Ninive sia identico a quello nostro.
    Gino Paoli è solo un uomo coinvolto come noi alla ricerca della Salvezza.
    Il serpente è sempre in agguato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO.
      NO.
      NO.
      Questo è il TUO punto di vista, che rispetto e per questo non ho inTEnzione di cambiarlo.
      Quando cambierai opinione ... fammelo sapere. Potrei averlo cambiato io nel frattempo.

      Elimina
    2. La Misericordia di Dio che si manifesta.

      Elimina
    3. E...COME!!!
      In quel rispondere comunque SI, sì; no, NO; eVITAndo di sVELARE il maligno è la PIU' GRANDE MISERICORDIA, anche di un DIO che fattosi CARNE si ritrova con gli zebeDEI ROTTI e non può che dar RAGIONE a quella VOCE che era SOLO per LUI e che non rispondeva se poteva illuminare anche gli altri ... i suoi prossimi o ANTI.
      Comunque GRAZIE a VOI a valanga per avermi fatto capire che la devo smettere di voltarmi indietro, come se DIO ha biSOGNA di CHI lo sVELA o lo sPIEGA, come se A MEn lo ha FATTO un UMANO.
      La PERSONA che VIENE per questo è la STESSA che VENNE in quel UOMO che era UMANO in TUTTO, anche nelle SUE debolezze.

      A questo punto dovrebbe TUTTO finire per ME.

      Se mi avessero alMENO, bloccato, BANNATO anche QUI.
      GETTATO nella GEENNA!

      Elimina
    4. Ma forse nel MIO CALICE c'era il MIO CERVELLO.
      Il MIO CUORE chi lo vuole?
      L'ANIMA MIA GUAI chi la TOCCA!

      https://www.youtube.com/watch?v=nio57L0FwdY

      Elimina
    5. E tu anonimo perche' vuoi dare ad altri tutto ciò che hai, tranne l'anima?

      Elimina
    6. Tutto?
      Ma che state a dì?
      Non c'è TRIPPA per te.

      Elimina
    7. La trippa?
      Ma chi la vuole la trippa!

      Elimina
    8. Prima di inTErFERIRE l'anonimo, fa tu una proPOSTa.

      Elimina
  3. povero serpentino chiuso a chiave nel suo blogghino..ihihih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato SEmPRE il MIO inTEnto!
      Ora punto a CHIUDERLO per SEMPRE.
      Tu SEI LIBERA e LEGGERA di andare nelle TUE disPARATE trappole a trovare i MORTI, i MORTACCI e i STRAMORTI che confidavano in te per poter avere un ultima chANGE...

      Elimina
  4. Beh...non mi pare che la quaresima sia molto sentita oggigiorno e che ci si vesta di sacco e si digiuni nella polvere...eppure e' molto più iniquo il mondo d'oggi rispetto a Ninive una volta...o no?
    Va be che quando c'e' lo Sposo non si digiuna, ma in quaresima sì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EpPURE i SACERdoti non si stanc'ano di INDIcarci altri diGIU'ni, altre ELeMO'sine e preGHIERE.
      CERTA-MENTE questi TEMPI sono VERAMENTE difficili da comPRENDERE nel senso SANTI-FICO del TER-MINE.

      Elimina
    2. Solo il tempo cattivo rispetta la Quaresima.
      Ciao Singer Frapp.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Abito a Pescara cara Singer Frapp.
      Qui, come dice Angelo, vengo in villeggiatura.
      Ciao.

      Elimina
    2. Il SOLIto abitANTE in VILLA...no?

      Elimina
    3. Abito in un loft intrigante.

      Elimina

Se guardate solo quello che la luce rivela e ascoltate solo quello che il suono vi annuncia, allora in verità, non vedete e non sentite.