mercoledì 6 novembre 2013

DIRITTO di COPIA di chi o da CHI?

Di chi è creatore
 del ... BODY?
... o di chi
lo ha comprato
e regalato
 agli avvoltoi?


Nessuno di noi vive per se stesso
e nessuno muore per se stesso,
perché se noi viviamo,
viviamo per il Signore,
se noi moriamo,
moriamo per il Signore.
Sia che viviamo,
sia che moriamo,
siamo del Signore.
Per questo inFATTI
Cristo è morto
ed è ritornato alla vita:
per essere il Signore
dei morti e dei vivi.
Ma tu,
perché giudichi il tuo fratello?
E tu,
perché disprezzi il tuo fratello?
Tutti infatti ci presenteremo
al tribunale di Dio,
perché sta scritto:
«Io vivo, dice il Signore:
ogni ginocchio si piegherà
davanti a me
e ogni lingua renderà
gloria a Dio».
Quindi ciascuno di noi renderà
conto di se stesso a Dio.

19 commenti:

  1. A quale dio vuoi credere? Ce ne sono a bizzeffe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al PIU' FORTE in ... SPIRITO!
      Il MIO!
      CoLUI che mi ha GENERATO, altrimenti rinnegherei la mia stessa esistenza.

      Elimina
  2. Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 15,1-10.
    Si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo.
    I farisei e gli scribi mormoravano: «Costui riceve i peccatori e mangia con loro».
    Allora egli disse loro questa parabola:
    «Chi di voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova?
    Ritrovatala, se la mette in spalla tutto contento,
    va a casa, chiama gli amici e i vicini dicendo: Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che era perduta.
    Così, vi dico, ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.
    O quale donna, se ha dieci dramme e ne perde una, non accende la lucerna e spazza la casa e cerca attentamente finché non la ritrova?
    E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, dicendo: Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la dramma che avevo perduta.
    Così, vi dico, c'è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

    don alfonso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai ricordato di completare il POSTo con SEGUENTI a QUESTI.

      Elimina
  3. San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia; contro le malvagità e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell'inferno satana e gli altri spiriti maligni che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime. O Arcangelo San Michele difendeci nel combattimento affinchè non periamo nel terribile giorno del Giudizio. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se fosse il contrario?

      CHI E' come DIO?

      Elimina
    2. Con la SILVI potresti VINCERE FACILE!
      FALLA...RIDERE e BASTA!.

      Elimina
    3. Tu non riesci a provocare me, ci vuole per altro.

      Elimina
    4. ApPUNTO!
      Va da CHI ti proVOCA.

      Elimina
  4. Io giudico quando mi sento soffocare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ECCO perchè si prende per la GOLA CHI deve SPUTARE il ROSPO.

      Poi lo BACERAI?

      Gli cucinerai FARFALLINE in brodo?

      Elimina
  5. Se è il caso...perché no.

    RispondiElimina
  6. amatevi e non odiatevi perche' tutto sara' contro di voi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sai chi AMARE e CHI ODIARE?

      Elimina
  7. amore e odio vanno a braccietto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AVAmBRACCIO con OMBRELLO!
      Perchè quando si va a braccetto si FA il GESTO dell'ombrello IN DUE?

      Elimina
  8. Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 17,11-19.
    Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea.
    Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza,
    alzarono la voce, dicendo: «Gesù maestro, abbi pietà di noi!».
    Appena li vide, Gesù disse: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono sanati.
    Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce;
    e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo. Era un Samaritano.
    Ma Gesù osservò: «Non sono stati guariti tutti e dieci? E gli altri nove dove sono?
    Non si è trovato chi tornasse a render gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?». E gli disse:
    «Alzati e và; la tua fede ti ha salvato!».
    don alfonso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un don ...all'ORA GIU'STA' fammi sentire la GIU'STA' CAMPAna su questo sPARTITO se non vuoi rimanere alFOnSO!

      Elimina

Se guardate solo quello che la luce rivela e ascoltate solo quello che il suono vi annuncia, allora in verità, non vedete e non sentite.