domenica 17 novembre 2013

FU DETTO e sta avVENENDO . . . . . . . . . . (Gv 16,12-15).

Ecco:
sta per venire IL GIORNO
 rovente come un forno.
Allora tutti i superbi
e tutti coloro che commettono ingiustizia
saranno come paglia;
quel giorno,
venendo, li brucerà
– dice il Signore degli eserciti –
fino a non lasciar loro né radice né germoglio.
Per voi, che avete timore del mio nome,
sorgerà con raggi benefici il sole di giustizia.
 

In quel tempo,
mentre alcuni parlavano del tempio,
che era ornato di belle pietre
e di doni votivi,
Fu detto:
«Verranno giorni nei quali,
di quello che vedete,
non sarà lasciata pietra su pietra
che non sarà distrutta.
Badate di non lasciarvi ingannare.
Molti infatti verranno nel SUO NOME dicendo:
“Sono io”,
e:
“Il tempo è vicino”.
Non andate dietro a loro!
Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni,
non vi terrorizzate,
perché prima devono avvenire queste cose,
ma non è subito la fine.
Si solleverà nazione contro nazione
e regno contro regno,
e vi saranno in diversi luoghi terremoti,
carestie e pestilenze;
vi saranno anche fatti terrificanti
e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo
metteranno le mani su di voi
e vi perseguiteranno,
consegnandovi alle sinagoghe
e alle prigioni,
trascinandovi davanti a re e governatori,
a causa del SUO SANTISSIMO NOME.
Avrete allora occasione di dare testimonianza.
Mettetevi dunque in mente
di non preparare prima la vostra difesa;
IO VI DARO' PAROLA e SAPIENZA,
cosicché tutti i vostri avversari
non potranno resistere né controbattere.
SARETE TRADITI
perfino dai genitori, dai fratelli,
dai parenti e dagli amici,
e uccideranno alcuni di voi;
sarete odiati da tutti
a causa del SUO SANTISSIMO NOME.
Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

 
 
Fratelli, sapete in che modo dovete prenderci a modello:
noi infatti non siamo rimasti oziosi in mezzo a voi,
né abbiamo mangiato gratuitamente il pane di alcuno,
ma abbiamo lavorato duramente,
notte e giorno,
per non essere di peso ad alcuno di voi.
Non che non ne avessimo diritto,
ma per darci a voi come modello da imitare.
E infatti quando eravamo presso di voi,
vi abbiamo sempre dato questa regola:
chi non vuole lavorare, neppure mangi.
Sentiamo infatti che alcuni fra voi vivono una vita disordinata,
senza fare nulla e sempre in agitazione.
A questi tali, esortandoli nel Signore Nostro, il CRISTO sempi TERNO, 
ordiniamo di guadagnarsi il pane lavorando con tranquillità.
 

35 commenti:

  1. Bene, siamo già a buon punto!
    Per non essere di peso ad alcuno di voi.
    Non che non ne avessimo diritto...tutto quello che si può dire di una vittima della malattia, sfortuna o ingiustizia, o di qualunque sventura. La sofferenza non rende più buoni, tranne quelli che lo erano già... e deve essere dimenticata. ma ancora una volta, serve solo ad aprire gli occhi...non avrebbe senso, altrimenti, chiuderli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La SAPENTE VERITA' non ingANNA e vale anche al CONTRARIO.
      Tu eri CATTIVA pure PRIMA, come chi perde la FEDE se inciampa a COLUI che VIENE proprio per FARTI CADERE sulla TUA STESSA VERITA' e VOLONTA'.

      Quando finirai di perSEVERAre?

      Elimina
    2. arRENDIti!
      6 CIRCOndata.

      Elimina
    3. Oh, muoio dalla paura!
      Notte, micio!

      Elimina
    4. la MIA BEST ...OLA.
      Salta inCUBO, mANNAgGIA' il PALO!
      SU su GIU' giù ... op...OP... LA'!

      Elimina
    5. Quando fa così la CIRCOuccideREI!

      Elimina
  2. E' la tranquillità che manca ai lavoratori d'oggi, sempre precari...o sfruttati, bastonati...spinti a competere l'uno con l'altro lasciando perdere la giustizia...magari si potesse lavorare con tranquillità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tranquillità non è di questo mondo e se trovi una TIzio tranQUIllo ... avvisalo che si è PERSO.
      QUI bisogna a vere un OCCHIO AVANTI e l'ALTRO DIETRO.

      Elimina
    2. Ah ahahhh,.e quello in mezzo dove lo metti??

      Elimina
    3. sOTTO una FOGLIA di FICO.

      Elimina
  3. buona giornata a tutti ed iniziamo dicendo siate buoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PAROLA d'ORDINE e lasciamo perdere i MA e i SE potete.

      NON POSSO!
      NON DEBBO!
      NON VOGLIO!

      THiE' ... a limone!

      Elimina
  4. Ma che peste di uomo. Poi sono io la cattiva eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è PIU' CATTIVERIA di una FEMMINA mal VAGIaNA.

      Elimina
  5. I veri angeli, sai chi sono? Sono quelli che lottano ogni giorno con i propri demoni, quelli che si addormentano con le lacrime, quelli che soffrono e non lo danno a vedere. I veri angeli non sono quelli dal viso pulito, quelli che "te la sanno raccontare", quelli dalle mille parole gentili. I veri angeli sono quelli nascosti, a volte mascherati da "spavaldi", quelli che spesso si vergognano, quelli che piangono dentro. Ecco chi sono i veri angeli

    maddalena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci SONO sCHI-ERI e Schi-eri.
      DOVE vuoi che CI sCHIeriAMO?

      A me piacciono i NOSTRI deMONI.

      Elimina
  6. posso
    debbo
    voglio
    THiE' alla pESCA

    RispondiElimina
  7. e' sempre STAgioNA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ST.ANO...ma VE.O?
      Non sono più quelle di UNA VOLTA.

      Elimina
  8. PE.CHE? dici cosI? le cosa ST.ANE sono intorno aTE'!

    RispondiElimina
  9. dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 19,1-10.
    Entrato in Gerico, attraversava la città.
    Ed ecco un uomo di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco,
    cercava di vedere quale fosse Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, poiché era piccolo di statura.
    Allora corse avanti e, per poterlo vedere, salì su un sicomoro, poiché doveva passare di là.
    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua».
    In fretta scese e lo accolse pieno di gioia.
    Vedendo ciò, tutti mormoravano: «E' andato ad alloggiare da un peccatore!».
    Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
    Gesù gli rispose: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa, perché anch'egli è figlio di Abramo;
    il Figlio dell'uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».


    don alfonso

    RispondiElimina
  10. Cosa? Che simpatico che sei.:)

    RispondiElimina
  11. squinternato nel guazzabuglio NERO come l'inchiostro! NO BLU!!!
    NON HAI PACE
    Perché non vuoi rassegnare le tue dimissioni, Nulla TENENTE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.youtube.com/watch?v=4IAPcn4sR0I

      Cerca di RIGHE-IRA diRITTO!

      Elimina
  12. ma non solo un RIgheLLO

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Si chima GONIOmetro.
      O preFERISCI conPASSO?

      Elimina

Se guardate solo quello che la luce rivela e ascoltate solo quello che il suono vi annuncia, allora in verità, non vedete e non sentite.